Alchimia e gelato

Esisteva, all'albore del pensiero moderno, un gruppo di scienziati epicurei che nel buio dei loro laboratori medievali studiavano le sostanze di base per come si comportavano le une con le altre, provavano miscele nuove, credevano che mescolandole insieme sarebbero riuscite ad elevarle a qualcosa di superiore. L'ORO, appunto.
Trasformare il piombo in ORO.

Questo gruppo di folli, perseguitati perché incompresi dai più, sognatori all'estremo, incuranti dei pericoli che correvano in prima persona, ci sono subito rimasti simpatici.
E abbiamo imparato a conoscerli meglio al di là dell'aurea esoterica che molti oggi hanno voluto attribuire loro.

Li chiamavano, genericamente, Alchimisti.
Noi preferiamo considerarli padri della Chimica moderna (la parola Chimica, in effetti, viene proprio da lì), proto scienziati che cercavano di capire il mondo per migliorarlo un poco.
E hanno ottenuto successi, mai riconosciuti davvero, come uno dei primi alchimisti persiani, il grande Jabir-Ibn-Hayyan, che mille e più anni scoprì cose fondamentali.

Quando abbiamo imparato a fare i gelati, abbiamo capito che alla base della trasformazione delle materie prime liquide e solide in Gelato stanno principi di chimica di base e di fisica della materia.
Il gelato nasce da un bilanciato equilibrio di sostanze organiche che, miscelate lentamente e portate a bassa temperatura, solidificano in modo cremoso e spumoso, accolgono aria per essere più leggere e si mantengono consistenti e strutturate a lungo.

Conoscendo approfonditamente la composizione interna delle materie naturali e avendo padronanza dei legami chimici che possono instaurarsi si può fare il gelato con ogni sostanza commestibile, e mescolare a piacimento gusti e sapori disparati e diversi.
Una libertà d'invenzione straordinaria che ci ha subito appassionato.

Forse la nostra passione per la tecnica ci ha fatto capire che non vogliamo essere solo gelatieri.
Vogliamo essere Alcremisti!
Vogliamo capire se mescolando insieme sapori impensati si può ottenere un gusto gradevole oppure se si può utilizzare l'azoto liquido per dare al gelato una granulosità più fine, più morbida al palato.
Vogliamo esaltare le proprietà e il gusto di materie prime naturali e trasformandole dar loro una nuova preziosa identità.

Come gli alchimisti anche noi siamo alla ricerca dell'oro, ma il nostro ORO è il gelato!

 

L'ORO è l'intenzione che ha la natura su tutti gli altri metalli.
da " The Story of Alchemy and the Beginnings of Chemistry" by M. M. Pattison Muir

 

I commenti sono chiusi